Corso Arbitri

Vuoi fare l'arbitro di calcio? La Sezione di Monza il 29 settembre inizierà il nuovo corso arbitri!

Sei ancora in tempo per iscriverti!

Mandaci una mail a monza@aia-figc.it e ti contatteremo subito per confermarti la pre-iscrizione!
Puoi anche chiamarci il lunedì sera dalle 20.30 alle 22.30 allo 039 835191. Al termine del corso avrai:

  • Tessera federale per ingresso gratuito in tutti gli stadi d’Italia;
  • Rimborsi spese per le gare da te dirette;
  • Divisa ufficiale da gara;
  • Attestazione per rilascio di crediti formativi.

Il corso è totalmente gratuito!

CALENDARIO DELLE LEZIONI

  • Giovedì 29 settembre – Primo incontro e presentazione del corso
  • Mercoledì 5 ottobre – Regole 1-2-3-4 (Aspetto logistico strutturale)
  • Giovedì 6 ottobre – Regole 7-8-9-10 (Quanto e come si gioca)
  • Martedì 11 ottobre – Regole 13 e 14 (Calci di punizione e di rigore)
  • Mercoledì 12 ottobre – Regole 15-16-17 (alcune riprese di gioco)
  • Martedì 18 ottobre – Regola 12 (Falli e scorrettezze)
  • Giovedì 20 ottobre – Regole 6 e 11 (Gli assistenti e il fuorigioco)
  • Martedì 25 ottobre – Spostamento, tattiche e allenamento
  • Giovedì 27 ottobre – Regola 5 (L’arbitro e il regolamento AIA)
  • Mercoledì 2 novembre – Stesura del rapporto di gara, adempimenti preliminari e uso sistema informatico
  • Giovedì 3 novembre – Test pre-esame e ripasso (istruzioni supplementari)
  • Data da definire – Visionatura guidata di una partita

ESAME (SCRITTO E ORALE): MARTEDI’ 8 NOVEMBRE ORE 19.30

Le lezioni si terranno presso la sezione di Monza o da remoto, basandosi sul calendario che verrà presto indicato e su eventuali mutamenti delle disposizioni vigenti. L’orario di inizio delle lezioni sarà in ogni caso alle 21:00.


Perché diventare arbitro?

Diventare Arbitro...chiariamo qualche aspetto.

Ma chi te lo fa fare? Perché la domenica mattina, invece di affrontare freddo, nebbia, fango, pioggia e insulti, non te ne resti a letto a dormire?

Non esiste alcun arbitro di calcio, attualmente in attività o che lo sia stato in passato, che non abbia sentito pronunciare almeno una volta una frase di questo tenore da coloro che gli stanno vicino (amici, genitori, fidanzate/i, ecc…).

E allora, perché fare l'arbitro?

Perché significa respirare ogni domenica quel sapore di campo che solo gli appassionati di calcio conoscono, e respirarlo da un punto di vista unico: quello del garante delle regole, del protettore del Gioco, di chi assicura un divertimento leale e corretto ai giocatori in campo.

Perché arbitrare è una scuola di sport e di vita che può renderci persone migliori in molti modi.

Perché le difficoltà che si incontrano nel dirigere una gara ci aiutano a consolidare la sicurezza in noi stessi nonché la nostra autostima, aiutandoci ad affrontare positivamente aspetti importanti della vita di tutti i giorni. Assumere decisioni con la dovuta convinzione in una frazione di secondo e doverle in molti casi “difendere” di fronte alle critiche ci rende maggiormente credibili e autorevoli.

Perché ogni volta che scendiamo in campo affiniamo sempre più le nostre capacità di relazione, con l’evidente conseguenza di fare concreti progressi nel saperci rapportare alle persone che ci circondano. Rispetto per gli altri, correttezza nei modi e fermezza quando serve sono valori che dobbiamo coltivare continuamente per poter esercitare con equilibrio il nostro ruolo.

Perché, per essere arbitri, bisogna essere atleti. Quindi l’attività arbitrale è un ottimo modo di mantenere la forma fisica.

Allenamenti, tornei di calcio tra le Sezioni, cene, raduni…

Entrare a far parte dell’AIA significa anche avere occasione di divertimento, di socializzazione e di conoscenza di persone con una passione in comune: quella per il calcio.

Vivere la Sezione, frequentarla, è un modo di fare amicizie, di confrontarsi, di crescere: in campo si è da soli, ma in Sezione si capisce di far parte di una squadra.

Entrare gratis in tutti gli stadi d’Italia? Da arbitro si può!

La tessera federale, che viene rilasciata dopo qualche mese dalla fine del corso, permette l’accesso gratuito a tutte le partite organizzate dalla FIGC, dai giovanissimi fino alle serie A, oltre alle gare della Nazionale.

Permette l’accesso anche a quelle organizzate dall’UEFA, fino ai quarti di finale.

Per le gare dilettantistiche è sufficiente recarsi al campo muniti di tessera per entrare gratuitamente.

Per quelle professionistiche le modalità d’ingresso variano da categoria a categoria e da stadio a stadio.

È previsto un rimborso spese per ogni direzione di gara.

Il corrispettivo varia in base alla categoria cui l’incontro si riferisce e alla distanza del campo di gioco dal luogo di residenza dell’arbitro.

COSA ASPETTI...

Vuoi diventare Arbitro?

Se sei una ragazza o un ragazzo con un'età compresa tra i 15 e i 35 anni e sogni di diventare un Arbitro di Serie A? Contattaci subito!

Come si diventa Arbitri di Calcio?

Per conseguire la qualifica di Arbitro Effettivo ed esercitare l’attività nei Campionati organizzati dalla F.I.G.C. è necessario frequentare gli appositi corsi che si tengono periodicamente presso una delle 212 sezioni A.I.A. dislocate sul territorio nazionale.

A tali corsi, completamente gratuiti e della durata di circa due mesi, possono partecipare i giovani di entrambi i sessi che abbiano compiuto il 15° anno di età e non abbiano ancora compiuto il 35° alla data di inizio delle lezioni.

Materiale Didattico

La Sezione avrà cura di fornire il materiale didattico, costituito da:

  • regolamento ufficiale del gioco del calcio;
  • guida pratica, organizzata in domande e risposte, che copre esaustivamente una ampia casistica.

Tali testi contengono gli argomenti base che saranno trattati nelle lezioni teoriche.

L'Esame Finale

Al termine del corso si dovrà sostenere, di fronte ad una commissione composta dal Presidente di Sezione e da due esponenti del Comitato Regionale Arbitri, un esame finale consistente in una prova scritta (serie di quiz sul regolamento più un tema da svolgere su un argomento generale) e in un colloquio orale sugli argomenti trattati durante le lezioni.

Superato l'esame...

Il Presidente di Sezione conferirà ai candidati risultati idonei la qualifica di Arbitro Effettivo con immediata immissione nei ruoli.

Con il superamento dell’esame finale viene consegnato ad ogni neo immesso il materiale per svolgere l’attività agonistica:

  • divisa arbitrale;
  • fischietto;
  • taccuino;
  • cartellini.

A tutti gli associati, viene comunque consegnata gratuitamente una nuova divisa arbitrale ad ogni nuova stagione sportiva.

La Sezione A.I.A. di Monza organizza, durante le Stagioni Sportive, uno o più corsi con frequenza bi-settimanale serale, solitamente il martedì e il giovedì dalle 21 alle 22.30, al fine di agevolare quanti vogliano parteciparvi.

Il percorso per diventare arbitro in semplici passi.

Step 1: Frequenta il Corso

Un corso gratuito della durata di due mesi.

Step 2: Studia sul Materiale Didattico

Ti forniremo il regolamento ufficiale ed una guida pratica, testi che contengono gli argomenti che saranno trattati nelle lezioni teoriche.

Step 3: Sostieni L'esame

Un quiz sul regolamento ed un tema da svolgere su un argomento generale.

Step 4: Goditi gli ``Strumenti da Lavoro``

Con il superamento dell’esame ti daremo gli strumenti dell’arbitro: divisa, fischietto, taccuino e cartellini.

COSA ASPETTI...

Vuoi diventare Arbitro?

Se sei una ragazza o un ragazzo con un'età compresa tra i 15 e i 35 anni e sogni di diventare un Arbitro di Serie A? Contattaci subito!